geometra sardegna
Agevolazione prima casa in caso di successione: Come e chi può beneficiarne.

Guide su YOUTUBE

Accedi al mio Canale Youtube

Troverai guide, esempi pratici su svariati argomenti che vengono affrontati su queste pagine!

ultime notizie

Il sito visurnet ti piace?


Perchè chiedo il tuo aiuto!

Grazie!

servizi online successione
agevolazione prima casa : quando si può usufruire delle agevolazioni per la prima casa. Vediamo alcuni esempi per capire come fare per richiedere l' agevolazione prima casa. Vedremo anche i casi in cui si rischia il decadere delle agevolazioni. Vedremo anche quando per cause di forza maggiore, il trasferimento ritardato della residenza non comporta comunque il decadimento dell' agevolazione.

SUCCESSIONE EXPRESS!
compilazione modulistica per successione e voltura catastale
scopri il servizio!

SUCCESSIONE IN TEMPO REALE!
compilazione modulistica per successione e voltura catastale in tempo reale
scopri il nuovo servizio per il 2017!

AGEVOLAZIONE IMPOSTE PER PRIMA CASA

HOME PAGE
CHI SIAMO
COSA OFFRIAMO

Link interessanti

il catasto?..roba da geometri
guadagna affittando il tetto
notizie interessanti
grazie di cuore!!
ti servono le visure catastali?
fabbricati mai dichiarati
sanzioni per le case fantasma (new)
diario di bordo

Servizi attivi
Servizi successione

compilazione modulistica
compilazione voltura catasto
richiedi le visure catastali

affidamento incarico successione

Guida eredità

presentazione
disciplina delle successioni
accettazione eredità parte 1
accettazione eredità parte 2
la rappresentazione e accrescimento
banca e assicurazione
cosa fare per ereditare un veicolo
imposte e agevolazioni
imposta di successione e franchigia
imposte ipotecaria e catastale
modulistica per successione
agevolazione prima casa
debiti e passività del de cuius
uffici competenti
allegati alla successione
tipi di dichiarazione
moltiplicatori catastali
codici uffici agenzia entrate
codici tributi per successione

i diritti dei figli
i diritti degli ascendenti
i diritti dei fratelli
i diritti del coniuge parte 1
i diritti del coniuge parte 2

quote eredità spettanti per legge

L' attivo ereditario

Il testamento

il testamento
cos' è il testamento
testamento olografo
testamento pubblico
testamento segreto
se muore il testatore
cosa si può disporre
chi può fare testamento
chi può ricevere col testamento
riserva a favore del coniuge
riserva a favore dei figli
cos' è il legato
successione: obbligo del notaio?

Esempi pratici

Impariamo a compilare la modulistica per successione. di seguito trovate un esempio pratico che vi aiuta a capire come compilare la modulistica, dal modello 4 al modello f24

1) prima di iniziare

prima di iniziare

2) calcolare l' asse ereditario

come calcolare l' asse ereditario

3) modello 4 (esempio)

compilare il modello 4
compilare il frontespizio modello 4
compilare albero genealogico
compilare quadro A (eredi)
compilare quadro B (attivo)
compilare quadro B2 (titoli, azioni)
compilare quadro B3 (aziende)
compilare quadro B4 (altri beni)
compilare quadro B5 (beni venduti)
compilare quadro C (donazioni)
compilare quadro D (passività)
parte riservata all' ufficio

4) calcolo delle imposte

calcolo delle imposte successione
compilare modello f24 successione
compilare modello f23 successione
prospetto liquidazione

5) allegati al modello 4

cosa allegare al modello 4
dichiarazione sost. cert. morte
stato di famiglia de cuius
stato di famiglia eredi
visure catastali
dichiarazione sostitutiva atto notorio
modello f23
prospetto di liquidazione
richiesta agevolazione prima casa
certificato destinazione urbanistica
copia testamento pubblicato


presentare la successione

Voltura catastale

dopo aver registrato la dichiarazione di successione è necessario aggiornare la ditta in catasto. vediamo con degli esempi pratici come si fà

esempio 1: voltura cartacea

presentare la voltura catastale
voltura catasto terreni parte 1
voltura catasto terreni parte 2
voltura catasto terreni parte 3


esempio 2: software voltura

installare il software voltura 1.0
installare il software voltura 1.1

voltura 1.1 parte 1
voltura 1.1 parte 2
voltura 1.1 parte 3
voltura 1.1 parte 4

Successione tardiva

presentazione tardiva successione

MINI GUIDE

Esiste una mini guida per ogni dichiarazione di successione. Come compilare la dichiarazione di successione attraverso gli esempi.

Presentazione

guida alla successione

servizio online successione e voltura

AGEVOLAZIONE PRIMA CASA

Di Pino Caddeo (geometra libero professionista si occupa di pratiche di successione ereditaria e volture catastali in tutta Italia) Per maggiori info vedi: servizio successioni eredi. Aggiornata al 2016

successione express 2017

Devi compilare una dichiarazione di successione ma non sai come fare? successione express 2017 ti viene incontro!

scopri il servizio

E' un servizio del geometra Pino Caddeo.
Attivo in tutta Italia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiornamento: Attenzione! Dal primo gennaio 2014 i minimi d' imposta relativi a imposta ipotecaria e catastale passano da 168 euro a 200 euro. Per approfondimenti fai clik qui: aumento imposta ipotecaria e catastale

Quando all' interno dell' asse ereditario vi è un immobile (che non abbia caratteristiche di lusso) (o più, in caso di più eredi) che andrà destinato come prima casa si possono richiedere le agevolazioni per la prima casa. Le agevolazioni consistono nel pagare l' imposta ipotecaria e catastale in maniera fissa (euro Attualmente, 200,00 euro per ciascuna imposta) invece che applicare le percentuali, rispettivamente del 2% e 1% sul valore dell' immobile.

Vi ricordo anche, che, in merito ai minimi d' imposta da pagare bisogna sempre fare riferimento, agli importi che erano in vigore al momento dell' apertura della successione, ad eccezione di quelle successioni apertesi nel periodo che va dal 25/10/2001 al 03/10/2006, per le quali i minimi d' imposta da pagare faranno riferimento agli importi in vigore al momento della presentazione e non a quelli vigenti al momento dell' apertura della successione.

Tra parentesi ricordo che rimangono da pagare (sempre) la tassa ipotecaria di euro 35,00 l' imposta di bollo di euro 64,00). Queste due cifre vanno sempre versate e devono sempre comparire dunque nel modello F24. In ultimo ci sarebbero anche i tributi speciali (dovrebbe trattarsi di qualche decina di euro) da pagare all' agenzia delle entrate. Ho potuto notare che alcuni uffici richiedono il versamento altri no. Prima di continuare vorrei fare una piccola precisazione a seguito di un quesito che mi è stato posto in questi giorni e più precisamente vorrei far presente che sull' immobile destinato a prima casa e quindi che gode delle agevolazioni le imposte vanno pagate una sola volta da tutti gli eredi compresi anche quelli che non godranno la casa come prima abitazione.

Il quesito che mi è stato posto era più o meno il seguente:

"le imposte agevolate di 200 + 200 euro valgono solo per colui che andrà ad abitare la prima casa? Mentre gli altri eredi che hanno già un' abitazione pagano le imposte del 2% e 1%?"

A questo quesito rispondo dicendo che è sufficiente che vi sia almeno un erede che ha i requisiti necessari per l' agevolazione affinché le imposte da pagare siano solo e sempre di 200 + 200 euro. Nessun' altra imposta va pagata su quel fabbricato. Se mai le imposte del 2% e 1% si pagheranno sugli altri eventuali immobili (terreni o urbani) che non saranno adibiti a prima casa.

Aggiungo inoltre che per godere dei benefici prima casa non è obbligatorio andare a vivere nella casa per la quale si chiedono i benefici, ma è sufficiente evere o trasferire eventualmente la residenza nel comune in cui si trova la casa stessa. Ad esempio è possibile per un erede che gia abbia o che intenda trasferire la residenza nel comune dove si trova la casa per la quale si chiedono le agevolazioni, affittare la casa stessa ad altre persone.

Può godere delle agevolazioni prima casa e successivamente affittarla, l' erede che pur non trasferendo la residenza appartenga alle forze dell' ordine (polizia, carabinieri ecc.)

requisiti per godere delle agevolazioni

Fatta questa breve precisazione, ricordo che per poter godere dell' agevolazione sulla prima casa l' erede deve possedere almeno uno dei seguenti requisiti specifici di seguito elencati:

1) essere residente nel comune in cui insiste l' immobile di cui si chiede l' agevolazione;

2) in caso non si abbia la residenza dichiarare di portarla entro 18 mesi dalla data di apertura della successione (data di morte del de cuius) nel comune in cui insiste l' immobile per cui si chiede l' agevolazione prima casa;

3) di prestare attività lavorativa nel comune in cui si trova l' immobile per cui si chiede l' agevolazione.

I requisiti su citati andranno resi su apposita dichiarazione sostitutiva ai sensi di legge (vedi schema).

Ricordo inoltre che le agevolazioni possono essere richieste solamente per la prima casa. Tutti gli altri immobilli (terreni e urbani) facenti parte dell' asse ereditario sconteranno le imposte del 2% e del 1%.

Tipologia dell' immobile per il quale si chiedono i benefici fiscali prima casa

Per godere dell' agevolazione l' immobile non deve avere caratteristiche di lusso. A tal proposito è stata introdotta qualche novità nel 2014. Per le successioni apertesi prima del 01 gennaio 2014, si può richiedere l' agevolazione senza fare esplicito riferimento alla categoria catastale. Per le successioni, che invece si aprono dopo il 31 dicembre 2013, nella richiesta di agevolazione è necessario fare riferimento alla categoria catastale.

La novità dunque si trova all' interno della richiesta dell' agevolazione e più precisamente al punto 4 della stessa, dove si va a dichiarare che la casa per la quale si chiedono le agevolazioni non ha caratteristiche di lusso. Per le successioni apertesi prima del 2014 va dichiarato che l' immobile oggeto di agevolazione non rientra nelle case di lusso (la categoria catastale dunque non rileva), mentre per le successioni apertesi dopo il 31 dicembre 2013, sarà necessario dichiarare che l' immobile non rientra nelle categoria catastali di lusso ossia A1, A8 e A9. Per vedere esempi e differenze tra le due richieste di agevolazione potete visitare la pagina: richiesta agevolazione prima casa

I diritti trasferiti e ubicazione dell' immobile

L' agevolazione prima casa non spetta solo per il trasferimento a titolo gratuito del diritto di piena proprietà dell' abitazone non di lusso, ma anche per il trasferimento della nuda proprietà, usufrutto, uso e diritto di abitazione. In merito al diritto di abitazione ricordo che lo stesso diritto spetta sempre al coniuge superstite anche se decide di rinunciare all' eredità. Ad esso pur se rinuncia all' eredità e avendone i requisiti spetta la possiblità di godere delle agevolazioni prima casa.

L' immobile per il quale si chiedono i benefici fiscali deve essere ubicato nel comune in cui il beneficiario ha la propria residenza, o dove intende stabilirla entro 18 mesi dalla data di apertura della successione (data di morte). Come gia accennato non è necessario che il richiedente vada ad abitare la prima casa. In alternativa l' agevolazione spetta anche a colui che pur non avendo la residenza nel comune, lo stesso vi svolga la propria attività lavorativa.

L' agevolazione viene estesa anche ai cittadini immigrati residenti all' estero nell'ipotesi in cui acquistino per successione un immobile come prima casa situato nel territorio italiano o ai cittadini italiani che lavorino all'esterno, solo in
relazione agli immobili siti nel territorio del comune dove ha sede o esercita l’attività il soggetto da cui dipendono.

In queste ultime fattispecie l’agevolazione compete a condizione che l’immobile sia acquistato mortis causa come "prima casa" in qualsiasi punto del territorio italiano, senza che sia necessario che il beneficiario stabilisca entro diciotto mesi la residenza nel comune, in cui è situato l'immobile. Nel caso di immigrati residenti all' estero è necessario è necessario che tali cittadini siano iscritti all' A.I.R.E. (associazione italiani residenti all' estero).

Non possidenza di immobili nel comune

Il richiedente l' agevolazione prima casa non deve essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge di diritti di proprietà, usufrutto, uso o diritto d' abitazione di altro immobile nel territorio del comune dove si trova l' immobile caduto in successione.

E' invece possibile usufruire dell' agevolazione prima casa nel caso si ereditino quote dello stesso bene. Questo significa che se l' erede è titolare ad esempio di 1/2 della casa e va ad ereditare l' altro mezzo può usufruire dell' agevolazione.Riassumendo, ferme restando le altre condizioni, l’agevolazione spetta anche nelle ipotesi in cui: si acquistino a titolo gratuito ulteriori quote di proprietà dello stesso bene; il titolare del diritto di usufrutto, uso e abitazione acquisti a titolo gratuito la nuda proprietà dello stesso bene; il nudo proprietario acquisti a titolo gratuito il diritto d’usufrutto, uso o abitazione sullo stesso bene.

Il beneficiario non deve essere titolare, neppure per quote e neppure in regime di comunione legale dei beni col coniuge, su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione
acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni prima casa. Ricordiamo che tra gli immobili acquistati con l’agevolazione prima casa rientra anche l’acquisto di una casa di abitazione non di lusso in corso di costruzione.

Se un soggetto ha già fruito dell’agevolazione prima casa in relazione ad un immobile caduto in successione, in caso di ulteriore acquisizione di altro immobile per successione o donazione, lo stesso soggetto non potrà godere nuovamente dell’agevolazione medesima, a meno che il trasferimento non abbia ad oggetto quote dello stesso bene, come sopra specificato.

Diverso è il caso in cui ad un acquisto mortis causa di un immobile, per cui si è chiesta l’agevolazione prima casa , segua un successivo acquisto a titolo oneroso di altro immobile. In questo caso e solo in questo caso, l’applicazione dell’agevolazione“prima casa” in relazione all’acquisto mortis causa non preclude, ricorrendone i presupposti, la possibilità, in sede di successivo acquisto a titolo oneroso di altra casa di abitazione non di lusso, di fruire nuovamente dei benefici “prima casa”, stante la diversità dei presupposti che legittimano l’acquisto del bene in regime agevolato.

Potrebbero presentarsi diversi casi in merito all' agevolazione della prima casa. Per brevità riporto un caso abbastanza frequente e più precisamente asse ereditario formato da una casa (prima casa) e due terreni:

Devi compilare una dichiarazione di successione? Scopri il mio nuovo servizio online "successione express 2017". Ricevi direttamente sul tuo computer, tutta la modulistica pronta da consegnare all' agenzia delle entrate e al catasto. Il servizio è offerto dal geometra Pino Caddeo. Attivo in tutta Italia! Fai clik qui sopra per conoscere i dettagli!!

1) unico beneficiario ed unico immobile

Questo è il caso più semplice. Per unico beneficiario si intende che tra gli eredi vi sia almeno uno che possa richiedere le agevolazioni (vedi i requisiti su citati 1-2-3). Per unico immobile si intende che nell' asse ereditario ci sia almeno un immobile che possa essere adibito a prima casa. Nell' asse immobiliare potrebbero esserci anche più immobili e terreni infatti.

ESEMPIO

- EREDI

N° 6 (di cui almeno uno gode dei requisiti per l' agevolazione)

- ASSE EREDITARIO

- N° 1 FABBRICATO (con caratteristiche prima casa, quindi non di lusso)

- N° 2 TERRENI

In questo caso le imposte si pagheranno in maniera fissa per la prima casa mentre i terreni sconteranno le normali imposte del 2% e 1%. Vediamo come procedere. Innanzitutto ci calcoliamo il valore da inserire in successione.

Supponiamo che il fabbricato abbia una rendita catastale (si estrapola dalla visura catastale) di euro 1.000 mentre un terreno abbia come reddito dominicale (si estrapola sempre dalla visura catastale) 100 e l' altro 80. Per calcolare il valore dell' asse ereditario da inserire nel modello 4 dobbiamo moltiplicare la rendita catastale della casa per 115,50 (moltiplicatore valido solo per prima casa) mentre i redditi dominicali dei terreni per 112,50.

Quindi avremo che la casa avrà un valore di 115.500 euro e i terreni di 20.250 euro. Tot. asse ereditario 135.750 euro. Avremmo anche potuto evitare di calcolare il valore catastale della prima casa in quanto non ci serve per il calcolo delle imposte in quanto fisse, ma ci serve ugualmente perché va inserito nel valore del patrimonio da inserire nel modello 4.

Se la casa non fosse stata "prima casa" avremmo dovuto pagare le imposte del 2% e del 1% su tutto il valore e quindi *146.250 x (2% + 1%) = 4.072,50 euro. Ma siccome abbiamo ipotizzato che sia prima casa i calcoli saranno molto diversi a vantaggio del cittadino. Di seguito faccio il raffronto nel caso di prima casa e non.

* Per il calcolo del valore della casa nel caso non sia prima casa si procede in questo modo:

(seconda casa): 1.000 x 126 = 126.000 euro
terreni: 100x112,50 + 80x112,50 = 20.250
tot. valore catastale = 126.000+20.250 = 146.250 euro

Per i terreni il coefficiente è sempre uguale, mentre cambia quello relativo ai fabbricati a seconda che si trattai di prima o seconda casa. Nel caso si tratti di prima casa si moltiplica per 115,50, mentre se parliamo di seconda casa il moltiplicatore sarà 126.

SE IL FABBRICATO RISULTA PRIMA CASA

IMPOSTE SULLA CASA

- imposta ipotecaria = 200,00 euro
- imposta catastale = 200,00 euro

TERRENI

I terreni chiaramente non godono dell' agevolazione e quindi scontano le imposte in percentuale e avremmo:

- imposta ipotecaria (2%) = 20.250 x 2% = 405 euro
- imposta catastale (1%) = 20.250 x 1% = 202,50 euro

Come imposte dunque pagheremo 200,00 + 200,00 + 405,00 + 202,50 = 1.007,50 euro

Si pagano sempre ed in ogni caso la tassa ipotecaria e l' imposta di bollo come di seguito:

- tassa ipotecaria = 35,00 euro
- imposta di bollo = 64,00 euro

Preciso che l' imposta di bollo è aumentata proprio in questi giorni (26/06/2013). Passa da 58,48 euro a 64 euro tondi tondi.

In totale pagheremo quindi 1.007,50 + 35,00 + 64,00 = 1.106,50 euro da versare tramite il modello F23 prima della presentazione della dichiarazione.

successione express 2017

Devi compilare una dichiarazione di successione ma non sai come fare? successione express 2017 ti viene incontro!

scopri il servizio

E' un servizio del geometra Pino Caddeo.
Attivo in tutta Italia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SE IL FABBRICATO NON FOSSE STATO PRIMA CASA

L' unica differenza tra il primo caso e questo è che le imposte sulla casa verranno calcolate tramite le percentuali del 2% e l' 1%. Inoltre come ho accennato prima cambia il moltiplicatore della rendita catastale. In caso di seconda casa infatti la rendita catastale va moltiplicata per 126. Ne scaturisce che il valore della casa sarà di 126.000 euro.

IMPOSTE SULLA CASA

- imposta ipotecaria = 126.000 x 2% = 2.520 euro
- imposta catastale = 126.000 x 1% = 1.260 euro

TERRENI

I terreni sconteranno sempre le percentuali del caso precedente:

- imposta ipotecaria (2%) = 20.250 x 2% = 405 euro
- imposta catastale (1%) = 20.250 x 1% = 202,50 euro

Come imposte dunque pagheremo 2.520 + 1.260 + 405,00 + 202,50 = 4.387,50 euro

Come già detto Si pagano sempre ed in ogni caso la tassa ipotecaria e l' imposta di bollo come di seguito:

- tassa ipotecaria = 35,00 euro
- imposta di bollo = 64,00 euro

In totale pagheremo quindi 4.387,50 + 35,00 + 64,00 = 4.486,50 euro da versare tramite il modello F23 prima della presentazione della dichiarazione.

Ricapitolando possiamo dire che la differenza è notevole; la differenza è di 3.444 euro. Le imposte così calcolate andranno versate tramite modello F23. Fai clik qui sopra per vedere come si compila il miodello F23.

ALTRI CASI

Naturalmente potrebbero presentarsi diverse situazioni, ad esempio:

1 - un unico beneficiario e più immobili
2 - più beneficiari ed un solo immobile
3 - più beneficiari e più immobili.

Nel primo caso le imposte fisse agevolate valgono solamente per un immobile; Tutti gli altri immobili scontano le imposte in base alle percentuali del 2% e 1% come dimostrato nell' esempio su citato. Nel secondo caso le agevolazioni sono previste ugualmente. Nel terzo l'agevolazione può essere accordata per tanti immobili caduti in successione quanti sono i beneficiari in possesso dei requisiti, purché si costituisca - per mezzo della dichiarazione - una diretta relazione tra il bene ed il soggetto beneficiario dell'agevolazione.

Con la risoluzione n° 112 del 27 dicembre 2012, l' agenzia delle entrate ha chiarito un punto importante per quanto riguarda la decadenza dell' agevolazione prima casa.

Fondamentalmente l' agenzia delle entrate ha chiarito che chi rivende il fabbricato per il quale si è goduti dell' agevolazione prima casa, prima dei cinque anni stabiliti, e dichiara di voler rinunciare all' agevolazione non è soggetto a sanzione. Facciamo un esempio come al solito.

Supponiamo che io erede di una casa chieda l' agevolazione prima casa e quindi invece di pagare le imposte ipotecaria e catastale del 2% e 1% paghi in maniera fissa ossia 168 euro per ogni imposta. La legge stabilisce che per godere dell' agevolazione non si possa vendere la casa per cui si è usufruto dell' agevolazione prima dei 5 anni, oppure venga riacquistata un' altra prima casa entro il termine di 12 mesi. La normativa prevedeva che in caso di vendita dell' immobile, senza nuovo riacquisto entro i 12 mesi avrei dovuto restituire la cifra relativa alle imposte non pagate, con sanzione del 30% sulle imposte stesse più interessi.

Con la risoluzione n° 112 del 27 dicembre 2012, questo non esiste più. Il soggetto che ha usufruito dell' agevolazione e intende vendere o ha venduto il fabbricato prima dei 5 anni deve comunicare all' agenzia delle entrate, entro 12 mesi dalla data della vendita, che il fabbricato appunto è stato venduto. A quel punto il soggetto dovrà pagare la differenza tra l' imposta che si sarebbe dovuta pagare senza agevolazione e la cifra versata (168+168). Alla differenza cosi ottenuta si applicheranno gli interessi, ma non la sanzione del 30%.

Per maggiori informazioni vi lascio più sotto la risoluzione dell' agenzia delle entrate.

risoluzione n° 112 del 27 dicembre 2012

L' AGEVOLAZIONE PRIMA CASA PUO' ESSERE RICHIESTA PIU' VOLTE PER LA STESSA ABITAZIONE

Faccio anche presente che un' erede può richiedere più volte l' agevolazione prima casa nel caso che lo stesso erediti in periodi diversi quote della stessa abitazione. Esempio: Figlio che eredita 1/2 della sua prima casa dal padre. L' altro mezzo viene ereditato dalla madre. In questo caso richiede la prima agevolazione. Quando morirà la madre ed il figlio erediterà l' altra metà potrà chiedere nuovamente l' agevolazione prima casa. Più sotto vi lascio una circolare dell' agezia delle entrate del 2001 che da ragguagli in merito.

circolare agenzia delle entrate del 7 maggio 2001.

L' AGEVOLAZIONE PRIMA CASA PUO ESSERE RICHIESTA ANCHE PER UN SOGGETTO GIA DECEDUTO

L' agevolazione prima casa può essere richiesta anche per un soggetto che è gia deceduto. L' importante è che il soggetto fosse in vita al momento dell' apertura della successione e che in quel momento potesse godere delle agevolazioni. Non ho la normativa sottomano in questo momento, ad ogni modo quanto scritto mi è stato confermato dall' agenzia delle entrate. Per cui se vi ritrovate in un caso simile chiedete delucidazioni in merito all' agenzia delle entrate.

ALTRE CASISTICHE RELATIVE ALL' AGEVOLAZIONE PRIMA CASA

Esistono diverse casistiche in merito all' agevolazione prima casa in caso di successione. Il mio consiglio naturalmente è quello di informarsi bene presso l' agenzia delle entrate o chiedere ad un professionista esperto in materia di successioni, questo perchè uno sbaglio nel richiedere l' agevolazione prima casa può comportare delle sanzioni abbastanza pesanti. Per cui richiedete l' agevolazione solamente se siete certi di poterne usufruire, in quanto in caso contrario potreste non solo restituire l' agevoazione, ma anche pagare delle sanzioni che sono abbastanza pesanti.

Vediamo di seguito alcuni casi con risposta secca sull' agevolazione prima casa.

1) Può un erede già proprietario di un immobile richiedere l’agevolazione prima casa su un’immobile che eredita dallo zio ubicato nello stesso comune? NO

2) Può un erede già proprietario di un immobile acquistato con agevolazione prima casa richiedere l’agevolazione prima casa su un’immobile che eredita dallo zio all’interno dello stesso Comune? NO

3) Un erede che non sia titolare di nessun bene immobile, e pertanto di alcun diritto reale su tutto il territorio nazionale, può richiedere l’agevolazione prima sull’immobile ricevuto in eredità dal de cuius? SI

4) Un soggetto che ha già utilizzato l’agevolazione prima casa per un immobile ereditato dal padre può in futuro acquistare un immobile in un altro Comune con agevolazione prima casa? SI

5) Un minorenne e/o un portatore di handicap possono acquistare un’immobile con agevolazione prima casa? SI

6) Un soggetto può richiedere l’agevolazione prima casa su fabbricati in corso di costruzione, naturalmente tenendo conto di tutti i requisiti previsti? SI

7) Nel caso in cui un soggetto erediti due appartamenti contigui può far ricadere
l’agevolazione prima casa su entrambi? NO

8) Nel caso in cui un soggetto erediti due appartamenti contigui e provveda ad accorpare gli immobili in un’unica unità abitativa e quindi con un’unica rendita catastale può richiedere l' agevolazione prima casa? SI

9) Un soggetto titolare di diritto di nuda proprietà su un immobile può acquistare all’interno dello stesso comune la piena proprietà di un’altro immobile con l’agevolazione prima casa? NO

10) Un soggetto già titolare di un immobile per il quale ha già usufruito dell’agevolazione prima casa può acquistare all'interno dello stesso Comune la nuda proprietà di un altro immobile con l'agevolazione prima casa? NO

11) Un soggetto già titolare per quote solo di un’immobile adibito ad abitazione principale può richiedere l’agevolazione prima casa nel caso in cui erediti le quote appartenenti al de cuius ? SI

12) Un soggetto già titolare di un’immobile in un comune diverso dal quale risiede, ma anche titolare solo per quote dell’immobile già per lui adibito ad abitazione principale può richiedere l’agevolazione prima casa nel caso in cui erediti le quote appartenenti al de cuius per quest’ultimo immobile ? NO

13) E’ possibile richiede l’agevolazione prima casa per un’immobile di lusso? NO

14) Un soggetto non titolare di alcun diritto reale può richiedere l’agevolazione prima casa per un a casa rurale regolarmente iscritta al catasto fabbricato con attribuzione di rendita destinata ad abitazione principale ? SI

15) Un soggetto già residente nel comune dove eredita l’immobile e per il quale richiede l’agevolazione prima casa deve per forza spostare la residenza nell’ immobile soggetto di agevolazione? NO

16) Un soggetto non titolare di alcun diritto reale al quale per testamento viene devoluto dal de cuius la nuda proprietà di uno degli immobili di quest’ultimo, può richiedere l’ agevolazione prima casa? SI

17) Un soggetto non titolare di alcun diritto reale al quale per testamento viene devoluto dal de cuius l’usufrutto di uno degli immobili di quest’ultimo, può richiedere l’agevolazione prima casa? SI

18) Se un soggetto richiede l’agevolazione prima casa e all’interno della stessa dichiarazione ci sono altri soggetti, l’agevolazione prima casa ricade anche su questi ultimi o dovranno pagare per tale immobile il 2% e 1% di imposte su tale immobili? SI indirettamente l' agevolazione ricade su tutti gli eredi.

Quindi abbiamo visto alcuni casi in cui è possibile richiedere l' agevolazione prima casa. Per approfondimenti vi lascio alle due circolari dell' agenzia delle entrate riportate più sotto.

- circolare agenzia delle entrate n° 44 del 7 maggio 2001

- circolare agenzia delle entrate n° 38 del 12 agosto 2005

DECADENZA DELL' AGEVOLAZIONE PRIMA CASA

Più sopra abbiamo visto quando si può aver diritto a richiedere l' agevolazione prima casa, però dobbiamo stare attenti a rispettare le varie prescrizioni dettate dalla normativa. E' possibile infatti perdere le agevolazioni in alcuni casi. Ne vediamo alcuni più sotto:

a) dichiarazione mendace dei requisiti oggettivi e soggettivi

In caso di false dichiarazioni si avrà la decadenza del beneficio delle agevolazioni, nonchè verrà richiesto il pagamento delle imposte non pagate più sanzioni. La decadenza dell' agevolazione colpirà sia il soggetto dichiarante sia gli altri eventuali eredi che indirettamente ne hanno beneficiato, per cui verrà richiesto a tutti il pagamento delle imposte non pagate. Le sanzioni però saranno a carico del solo dichiarante, in quanto sarà stata sua la dichiarazione non veritiera.

Pertanto in questo caso le responsabilità maggiori in caso di falsa dichiarazione saranno atribuite a colui che ha richiesto l' agevolazione. Vi ricordo che le dichiarazioni mendaci in questo caso sono punite anche dal punto di vista penale.

Dunque ricapitolando, in questo caso l' agenzia delle entrate chiederà il pagamento delle imposte non pagate a tutti gli eredi che ne hanno beneficiato. Le sanzioni, previste in questo caso, saranno in capo a colui che ha richiesto e firmato la richiesta di agevolazione.

b) Non trasferimento della residenza nel comune in cui è situato l’immobile entro i diciotto mesi:

Anche in questo caso si decade dall' agevolazione prima casa. A differenza del primo caso però le sanzioni e il recupero dell' imposta saranno totalmente a carico di chi h richiesto l' agevolazione. Dunque gli altri eventuali eredi non avranno responsabilità.

Naturalmente ci sono anche delle eccezioni. Una di queste è quella "per causa di forza maggiore". Può capitare infatti che per cause non dipendenti dalla volonta di chi ha richiesto l' agevolazione prima casa, non ci si possa comunque trasferire nel comune la residenza.

Per approfondimenti vedere le due sentenze n° 13177 e 18770 del 2014, nonchè l' ordinanza 19247 sempre del 2014, con le quali la corte di cassazione ha espresso i suoi pareri. Vedere anche l' ultima recentissima sentenza della Cassazione Civile, sez. tributaria, sentenza 19/01/2016 n° 864. Il caso specifico di questa ultima sentenza riguarda un contribuente, il quale aveva richiesto l' agevolazione prima casa, per poi avviare dei lavori di ristrutturazione.

Gli stessi lavori non terminati in tempo utile dei 18 mesi, impedivano al contriuente che aveva richiesto l' agevolazione di trasferirsi nel comune in cui era situata la casa. Sostanzialmente la pronuncia della cassazione rimanda nuovamente la palla alla commissione tributaria per una decisione conforme al principio che il mancato trasferimento entro i 18 mesi deve essere causato da un fatto imprevedibile e non da un semplice fatto ostativo al trasferimento.

c) Rivendita dell’immobile entro cinque anni e non riacquisto entro l’anno di altro immobile da adibire ad abitazione principale:

comporta la decadenza per intero del beneficio, con il recupero dell’imposta e delle sanzioni in capo al solo dichiarante. Se, invece la rivendita dell’immobile entro cinque anni è posta in essere da parte di un coerede non dichiarante, questa non comporta alcuna decadenza dal beneficio, nemmeno in capo al soggetto che ha ceduto l’immobile, in quanto non è possibile perdere un requisito che di fatto non era stato dal soggetto richiesto.

Per approfondimenti vedere la risoluzione dell' agenzia delle entrate che vi lascio più sotto

- Risoluzione agenzia delle entrate n° 33E del 15 marzo 2011

Sei alle prese con la pratica di successione? Mi permetto di suggerirti il servizio "successione express". Il servizio prevede la compilazione di tutta la modulistica sia per successione che per la voltura catastale. Tu dovrai semplicemente consegnare agli uffici. Costo 150 euro + iva. E' un servizio offerto dal geometra Pino Caddeo. Per info Clik qui sopra

Se la pagina ti è piaciuta ed è risultata di tuo gradimento ti chiederei un piccolo favore, ossia fare click sul pulsante +1 di google che vedi più sotto. Inoltre se lo ritieni opportuno puoi inserire un link a questa pagina sulla tua bacheca facebook....grazie!

E' nata la sezione video tutorial. Ora potete vedere i video che vi spiegano con esempi concreti come si compila la dichiarazione di successione. Per accedere alla sezione video fai clik su: sezione video tutorial

Per continuare invece, nella lettura della pagina seguente, fai clik su uno dei link che vedi sotto.

torna indietro - continua

SOSTIENI IL SITO VISURNET.COM....GRAZIE!

Io posso fare cose che non tu non puoi, tu puoi fare cose che io non posso. Insieme possiamo fare grandi cose.

Aiutami a rimanere online! Grazie..

 

successione express 2017

Devi compilare una dichiarazione di successione ma non sai come fare? successione express 2017 ti viene incontro!

scopri il servizio

E' un servizio del geometra Pino Caddeo.
Attivo in tutta Italia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

newsAggiungi un tuo commento...grazie!

Vuoi dire anche tu la tua? Vuoi lasciarci un commento su questa pagina? Ora puoi farlo. Lascia il tuo commento più sotto...grazie!

comments powered by Disqus

 

Ultimo aggiornamento: Sabato Febbraio 18, 2017 15:28

Aggiungici fra i tuoi amici

In Diretta con noi
Hai un dubbio? vuoi info gratuite sul servizio visure, successione o volture catastali? contattaci direttamente attraverso la live chat. Il servizio è gratuito! FAI CLICK SULL' IMMAGINE CHE VEDI SOTTO!

News letter
Essere aggiornati oggi è fondamentale! Se sei interessato ad uno o tutti gli argomenti sotto elencati iscriviti alla nostra news letter, selezionando gli argomenti di tuo interesse...grazie!

Email: *
Cognome: *
Nome: *
Scegli:


Video Tutorial
Vedere è sempre meglio del solo leggere, cosi come la pratica è 100 volte meglio della sola teoria. E' nata la sezione dei video tutorial che vi fa vedere in sostanza come compilare una dichiarazione di successione. Per accedere alla sezione video tutorial fate clik su uno dei seguenti link....

ACCEDI ALL' AREA VIDEO TUTORIALS

video-tutorial-successione

video tuttorial sulla compilazione di una dichiarazione di successione

come si compila una successione

guida sulla compilazione della dichiarazione di successione

guida alla successione col foglio elettronico

Modello telematico
dichiarazione successione telematica
modello telematico: dati generali
modello telematico: quadro EA

Approfondimenti

caratteristiche casa non di lusso
autocertificazione obbligatoria dal 2012
quanto costa la successione
certificato di successione europeo
diritto d' abitazione per il coniuge
niente successione sotto i 100.000 euro
aumento imposta ipotecaria e catastale
risparmiare dichiarazione successione

Aumenterà l' imposta di successione?
Atto notorio per successione

Risposte brevi

chi può fare la voltura catastale?

News

rettificare la successione si può

le domande dei lettori

tassa ipotecaria e imposta di bollo
moltiplicatori catastali e area edificabile
passività dichiarazione successione

Siti utili

la gazzetta europea
successioni in europa
fisco oggi

pinoTutti i servizi che trovi sul sito www.visurnet.com sono offerti dal geometra Pino Caddeo. Il servizio dedicato alle dichiarazioni di successione e volture catastali fa parte di questi servizi.

guida alla successione

 
L' ANGOLO DEGLI AFFITTI ESTIVI IN SARDEGNA

© 2002 - 2017 visurnet.com - Tutti i diritti riservati.
visitatori unici

geometri al tuo servizioInformazioni sul geometra Pino Caddeo

Gent. mo visitatore, permettimi di presentarmi. Mi chiamo Pino Caddeo e svolgo la libera professione del geometra. Sono nato in Germania a Wolfsburg (sede della famosa casa automobilistica tedesca Volkswagen) nel 1968, da genitori emigrati. Rientrati in Italia nel 1971 siamo stati tre anni a Cesano Boscone (MI), per poi trasferirci definitivamente in Sardegna nel 1973 nel comune di Borore (NU) dove tutt' ora risiedo. Terminate le scuole dell' obbligo nel 1983 mi sono iscritto all' istituto tecnico per geometri Sebastiano Satta di Macomer (NU), conseguendo il diploma nel 1989. Dopo circa tre anni di tirocinio nel 1992 ho conseguito l' abilitazione alla professione del geometra, ma solamente nel 1998 ho deciso di aprirmi uno studio tutto mio nel tentativo di trovare anche io la mia strada. E' una professione che non considero un lavoro ma piuttosto un piacere. Il mio campo lavorativo spazia dalla progettazione in genere, alle pratiche catastali (accatastamenti e frazionamenti). Mi occupo anche di rilievi topografici e di riconfinamenti. Da anni inoltre mi occupo di dichiarazioni di successione e relative volture catastali in tutta Italia. Sempre nel campo delle dichiarazioni di successioni e volture catastali collaboro in tutta Italia soprattutto con avvocati, periti e professionisti in genere che devono redigere questo genere di pratiche. Nel 1998 ho iniziato a creare le prime pagine internet per cercare di far conoscere la mia attività. In seguito nel 2002 ho creato il sito www.visurnet.com dove viene racchiusa tutta la mia attività. Dopo 12 anni di esperienza su internet posso dire di non essermi pentito di aver fatto quella scelta in quanto proprio grazie a internet ho potuto ampliare il mio campo lavorativo al di fuori della Sardegna. Attualmente il sito visurnet.com conta una media giornaliera di 3.500 ingressi unici al giorno. Al suo interno trovate oltre che i servizi offerti anche delle guide interessanti incentrate sul pianeta casa. Si parla di agevolazioni fiscali, quali quelle del 36% e del 65% rispettivamente sulle ristrutturazioni e risparmio energetico. Trovate anche delle guide che spiegano e vi aiutano a compilare una dichiarazione di successione e la relativa voltura catastale. Potete inoltre contattarmi gratuitamente nel caso abbiate dei dubbi o vogliate maggiori informazioni sui servizi offerti. Sul sito trovate anche delle sezioni tematiche informative che cercano per quanto possibile di aiutarvi ad avere le informazioni che cercate...vedi le sezioni dedicate all' imu, detrazione 36%, successioni e volture ecc. Trovi i link delle sezioni tematiche nella parte alta delle pagine.

Lo studio si trova a Borore (NU), nella meravigliosa Sardegna, in via Kennedy, 1 - cap. 08016
- p.iva.
01049200916 - C.F. CDDGPP68T02Z112I
- tel. 0785/86128 - 339/3600206
- mail: info@visurnet.com

 

cerchi un geometra? realizziamo siti internet