geometra sardegna
geometra Pino Caddeo

Guide su YOUTUBE

Accedi al mio Canale Youtube

Troverai guide, esempi pratici su svariati argomenti che vengono affrontati su queste pagine!

ultime notizie

Il sito visurnet ti piace?


Perchè chiedo il tuo aiuto!

Grazie!

visure catastali online

SERVIZI UTILI PER IL CITTADINO
APPALTI
NOTIZIE DALL' ITALIA

CONTATTA VISURNET.COM
via Kennedy, 1 - 08016 Borore (NU)
a breve apertura dello studio a Olbia (OT)
per contatti: 0785/86128 - 339/3600206 - email
Con la recente sentenza n. 647 del 15.2.2007 il Consiglio di Stato ha affermato che la legge non stabilisce in modo tassativo quali sono i requisiti da richiedere ai partecipanti alle gare di appalto di servizi, lasciando tale determinazione alla ragionevole discrezionalità delle singole Amministrazioni e consentendo che la singola stazione appaltante prescriva requisiti diversi e più severi rispetto a quelli normativamente fissati, anche al fine di meglio tutelare l'interesse pubblico perseguito.

SEZIONE: APPALTI - ARGOMENTO: APPALTI PUBBLICI: NEWS, NOVITA' APPROFONDIMENTI

HOME PAGE
CHI SIAMO
COSA OFFRIAMO

Link interessanti

il catasto?..roba da geometri
guadagna affittando il tetto
notizie interessanti
grazie di cuore!!
ti servono le visure catastali?
fabbricati mai dichiarati
sanzioni per le case fantasma (new)
diario di bordo

Servizi attivi

Appalti pubblici

presentazione appalti

bandi di gara in evidenza
appalti pubblici in Sardegna

servizio presa visione

categorie opere pubbliche

Link utili

sportello appalti
corso online
marketing per imprese
blog Cristina Mariani

Link obsoleti

appalti sotto i 150.000 euro
appalti sopra i 150.000 euro
servizi alle imprese
normativa appalti pubblici
categorie lavori pubblici
cos' è l' attestazione soa
perchè l' attestazione soa
chi deve attestarsi
chi rilascia l' attestazione
i costi per attestazione soa

 


NEWS APPALTI PUBBLICI 2007

24/10/2007 - Moralità professionale nelle gare di appalto

Con la sentenza n. 5470 del 19 ottobre 2007, il Consiglio di Stato si è pronunciato sulla possibilità o meno di comprovare il possesso di requisiti di moralità professionale mediante la produzione in gara dell'attestato S.O.A., e sulla legittimità o meno dell'ammissione in gara di una società che abbia omesso di dichiarare una condanna riportata dall'amministratore unico 10 anni prima.

In particolare la Corte, aderendo ad un consolidato orientamento giurisprudenziale, ribadisce che la certificazione S.O.A. non assolve ad ogni onere di attestazione del possesso dei requisiti richiesti all'appaltatore. Secondo i Giudici, l'art. 1 del D.P.R. 25 gennaio 2000, n. 34 prevede che quanto attestato dalla S.O.A. è necessario e sufficiente a certificare la capacità economico-finanziaria, mentre per quanto concerne gli altri requisiti di cui all'art. 17 dello stesso decreto (tra i quali, lettera c), «inesistenza di sentenze definitive di condanna passate in giudicato ...» e, lettera m), «inesistenza di false dichiarazioni circa il possesso dei requisiti richiesti per l'ammissione agli appalti ...»), compete alla Stazione appaltante la verifica in concreto della sussistenza degli stessi, e ciò indipendentemente dall'attestazione S.O.A., che vale solo ai detti fini.

Inoltre a risalenza nel tempo dei fatti e della condanna non è idonea a precludere la valutazione della Stazione appaltante ed il correlato obbligo di dichiarazione da parte dell'impresa, attesa la ratio della verifica, intesa ad un giudizio di affidabilità in ordine alla moralità professionale del contraente.

vedi documento

02/10/2007 - Rideterminazione soglia di anomalia delle offerte

Con la sentenza n. 4840 del 17.9.2007 il Consiglio di Stato ha chiarito quale sia la corretta interpretazione dell'art. 48, comma 2, del D. Leg.vo 163/2006 (Codice degli appalti).

In particolare ci si è soffermati sulla illegittimità di un bando che prevedeva la riformulazione della media aritmetica, la determinazione della nuova soglia di anomalia e la conseguente eventuale nuova aggiudicazione in caso di esclusione dalla procedura di gara del primo classificato o del concorrente che segue in graduatoria oppure di entrambi i concorrenti.

Ha ritenuto anche la Corte con la sentenza in argomento che non può ammettersi, per di più in difetto di una norma espressa, che il comportamento del concorrente che segue in graduatoria possa incidere sulla sfera giuridica dell'aggiudicatario provvisorio.

vedi documento

15/09/2007 - Valutazione dell'anomalia delle offerte Esame dell'offerta nel complesso

Con la recente sentenza n. 4837 del 17.9.2007 il Consiglio di Stato ha fornito importanti chiarimenti relativamente alle modalità con le quali va effettuata la valutazione di congruità o anomalia delle offerte, ribadendo la necessità che la Stazione appaltante fornisca una dimostrazione dettagliata e congrua dell’inattendibilità dell’offerta, e la conseguente illegittimità dell’esclusione di una offerta ritenuta anomala senza la necessaria valutazione dell’offerta complessiva.

A questo proposito la Corte ha fatto presente che il carattere di «discrezionalità tecnica» dell'operato dell'Amministrazione in sede di verifica dell'anomalia delle offerte impone, anche con riguardo alla par condicio dei concorrenti, comporta comunque che il relativo giudizio finale sia congruamente e dettagliatamente motivato, dando conto dell'esame di tutti gli elementi dell'offerta e delle ragioni di attendibilità o di inattendibilità dei singoli elementi nell'insieme (cfr. tra le tante, Cons.Stato, Sez. VI, 11 dicembre 2001, n. 6217).

Inoltre il giudizio di verifica deve risultare da un'analisi di carattere tecnico delle singole componenti in cui l'offerta di scompone, al fine di individuare l'incidenza delle singole voci sull'offerta complessiva. In altri termini, la scomposizione nelle singole voci deve essere ricondotta ad unità, al fine di valutare se l'anomalia delle stesse si traduca nella inattendibilità o nella mancanza di serietà dell'offerta nella sua globalità.

vedi documento

18/07/2007 - Esclusione da gara per documentazione incompleta

Con la sentenza n. 665 del 21.6.2007 il Il TAR Abruzzo, Pescara, interviene sulla questione della esclusione di concorrenti dalle gare di appalto chiarendo che non è legittima l’esclusione di una partecipante da una gara per documentazione incompleta, qualora la motivazione di tale esclusione sia individuata in una generica clausola contenuta nel bando.


Ne scaturisce, secondo il giudice, che la regolarizzazione della documentazione presentata in una gara può essere consentita ove i vizi siano «meramente formali o siano chiaramente imputabili ad errore materiale e sempre che riguardino dichiarazioni o documenti che non siano richiesti a pena di esclusione; in caso contrario, infatti, l’esercizio del potere amministrativo si risolverebbe in una palese violazione della par condicio rispetto a quelle imprese concorrenti che abbiano invece puntualmente rispettato la disciplina prevista dalla lex specialis di gara» (nella fattispecie, l’omissione che aveva determinato l’esclusione scaturiva dalla mancanza di una planimetria prescritta dal bando di gara e prevista ai fini della valutazione dell’offerta presentata).

vedi documento

20/03/2007 - Modalità di presentazione delle offerte nelle gare d'appalto

Con la recente sentenza n. 647 del 15.2.2007 il Consiglio di Stato ha chiarito che la normativa non stabilisce in modo tassativo quali sono i requisiti da richiedere ai partecipanti alle gare di appalto di servizi, lasciando tale determinazione alla ragionevole discrezionalità delle singole Amministrazioni e consentendo che la singola stazione appaltante prescriva requisiti diversi e più severi rispetto a quelli normativamente fissati, anche al fine di meglio tutelare l'interesse pubblico perseguito.

Riconosciuta, quindi, l'astratta possibilità per la stazione appaltante di individuare discrezionalmente determinati ed ulteriori requisiti - rispetto alle previsioni normative- in ragione della specificità del servizio da appaltare ed alle esigenze allo stesso sottese, la questione sulla quale il Consiglio di Stato si è pronunciato ha riguardato la legittimità della richiesta di un capitale sociale di un milione di euro in più rispetto al requisito minimo indicato all’epoca dalla Banca d’Italia per partecipare alla gara.

I giudici di Palazzo Spada hanno ritenuto un tale incremento del capitale sociale senz’altro eccessivo in mancanza di una specifica e congruente giustificazione da parte dell’Amministrazione, trattandosi dell’affidamento di un servizio quinquennale di tesoreria comunale di modesto importo, essendo previsto un compenso annuo a base d’asta non superiore ad euro 50.000,00, con conseguente valore della gestione annua di circa 500.000,00 euro (aggirandosi il compenso all’incirca sul 10%) e della gestione complessiva di circa 2.500.000,00 euro.

vedi documento

Ultimo aggiornamento: Lunedì Marzo 12, 2012 19:26


Aggiungici fra i tuoi amici

In Diretta con noi
Hai un dubbio? vuoi info gratuite sul servizio visure, successione o volture catastali? contattaci direttamente attraverso la live chat. Il servizio è gratuito! FAI CLICK SULL' IMMAGINE CHE VEDI SOTTO!

News letter
Essere aggiornati oggi è fondamentale! Se sei interessato ad uno o tutti gli argomenti sotto elencati iscriviti alla nostra news letter, selezionando gli argomenti di tuo interesse...grazie!

Email: *
Cognome: *
Nome: *
Scegli:

Forum online
Entra nel nostro nuovo forum se vuoi postare una domanda o partecipare alle discussioni


News 2011

news appalti 2011

News 2009

news appalti 2009

News 2008

news appalti 2008

News 2007

news appalti 2007

News 2006

news appalti 2006

News 2005

news appalti 2005

 

 
L' ANGOLO DEGLI AFFITTI ESTIVI IN SARDEGNA

© 2002 - 2017 visurnet.com - Tutti i diritti riservati.
visitatori unici

geometri al tuo servizioInformazioni sul geometra Pino Caddeo

Gent. mo visitatore, permettimi di presentarmi. Mi chiamo Pino Caddeo e svolgo la libera professione del geometra. Sono nato in Germania a Wolfsburg (sede della famosa casa automobilistica tedesca Volkswagen) nel 1968, da genitori emigrati. Rientrati in Italia nel 1971 siamo stati tre anni a Cesano Boscone (MI), per poi trasferirci definitivamente in Sardegna nel 1973 nel comune di Borore (NU) dove tutt' ora risiedo. Terminate le scuole dell' obbligo nel 1983 mi sono iscritto all' istituto tecnico per geometri Sebastiano Satta di Macomer (NU), conseguendo il diploma nel 1989. Dopo circa tre anni di tirocinio nel 1992 ho conseguito l' abilitazione alla professione del geometra, ma solamente nel 1998 ho deciso di aprirmi uno studio tutto mio nel tentativo di trovare anche io la mia strada. E' una professione che non considero un lavoro ma piuttosto un piacere. Il mio campo lavorativo spazia dalla progettazione in genere, alle pratiche catastali (accatastamenti e frazionamenti). Mi occupo anche di rilievi topografici e di riconfinamenti. Da anni inoltre mi occupo di dichiarazioni di successione e relative volture catastali in tutta Italia. Sempre nel campo delle dichiarazioni di successioni e volture catastali collaboro in tutta Italia soprattutto con avvocati, periti e professionisti in genere che devono redigere questo genere di pratiche. Nel 1998 ho iniziato a creare le prime pagine internet per cercare di far conoscere la mia attività. In seguito nel 2002 ho creato il sito www.visurnet.com dove viene racchiusa tutta la mia attività. Dopo 12 anni di esperienza su internet posso dire di non essermi pentito di aver fatto quella scelta in quanto proprio grazie a internet ho potuto ampliare il mio campo lavorativo al di fuori della Sardegna. Attualmente il sito visurnet.com conta una media giornaliera di 3.500 ingressi unici al giorno. Al suo interno trovate oltre che i servizi offerti anche delle guide interessanti incentrate sul pianeta casa. Si parla di agevolazioni fiscali, quali quelle del 36% e del 65% rispettivamente sulle ristrutturazioni e risparmio energetico. Trovate anche delle guide che spiegano e vi aiutano a compilare una dichiarazione di successione e la relativa voltura catastale. Potete inoltre contattarmi gratuitamente nel caso abbiate dei dubbi o vogliate maggiori informazioni sui servizi offerti. Sul sito trovate anche delle sezioni tematiche informative che cercano per quanto possibile di aiutarvi ad avere le informazioni che cercate...vedi le sezioni dedicate all' imu, detrazione 36%, successioni e volture ecc. Trovi i link delle sezioni tematiche nella parte alta delle pagine.

Lo studio si trova a Borore (NU), nella meravigliosa Sardegna, in via Kennedy, 1 - cap. 08016
- p.iva.
01049200916 - C.F. CDDGPP68T02Z112I
- tel. 0785/86128 - 339/3600206
- mail: info@visurnet.com

 

cerchi un geometra? realizziamo siti internet